Guaranda la Roma delle Ande

GuarandaGuaranda è una cittadina rurale circondata da sette colli, per questo viene chiamata la Roma delle Ande dai suoi abitanti.

Il suo nome proviene da un capo indiano Guarango. Oggi è il capoluogo della provincia rurale di Bolivar, siamo esattamente a 2670 metri di altezza negli altipiani centrali dell'Ecuador.

Guaranda non è una meta turistica di particolare richiamo, eppure non è raro trovare dei viaggiatori da queste parti. Turisti alla ricerca di panorami mozzafiato, che vengono ad immortale il Chimborazo e le campagne circostanti. Viaggiatori che visitano l'Ecuador con originali itinerari in autobus (Guaranda - Riobamba è considerata la strada panoramica più bella del Paese), chi viene a festeggiare la ricorrenza locale più famosa, il carnevale di Guaranda.

Giorni del mercato
Il mercato principale è il sabato nella Plaza 15 de Mayo, ma ci sono delle bancarelle anche il mercoledì. La piazza è molto interessante e merita una visita anche nei giorni che è libera dai mercanti, di stile coloniale con tutto il fascino dei suoi anni.

Cosa visitare
Oltre al mercato e alla piazza, l'attività locale preferita è la passeggiata serale nel Parque Simon Bolivar.

Appena fuori dal centro sorge il monumento El Indio de Guarango, dal quale si può apprezzare una bella vista, nei pressi c'è un piccolo museo.

A 35 km da Guaranda c'è Salinas, un bellissimo villaggio selvaggio perfetto per acquistare formaggi e salumi nostrani, cioccolato, funghi secchi e straordinari maglioni di lana grezza. E' una meta interessante per chi vuole scoprire la vita quotidiana delle più isolate comunità agricole montane del Paese. Il Martedì è giorno di mercato, ma per acquistare i maglioni di lana grezza tinti con colori naturali, bisogna rivolgersi nel negozio della piazza centrale di Salinas. L'affare è assicurato.

A 50 km da Guaranda, a circa tre ore di viaggio, si può visitare Chillanes. Dal terminal di Guaranda partono numerose corse giornaliere. Chillanes è famosa per il caffè e l'aguardiente. Lungo il tragitto si attraversa San Miguel, un'antica località che conserva ancora degli edifici coloniali in legno con balconi scolpiti.